La nota di Molfetta Libera

Gagliardi: “Prometto alla città un’opposizione seria, responsabile e propositiva”

Domenico Gagliardi
Domenico Gagliardi
Il consigliere comunale è intervenuto nella prima assise su legalità, ambiente, decoro urbano, buona urbanistica, welfare
scrivi un commento 638

Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinamento di Molfetta Libera, lista che si è presentata alla scorsa tornata elettorale in appoggio al candidato sindaco Lillino Drago, da cui è stato eletto Domenico Gagliardi che, nel corso del primo consiglio comunale del Minervini bis, ha tenuto un intervenuto. Di seguito le parole del neo eletto consigliere comunale.

Legalità, ambiente, decoro urbano, buona urbanistica, welfare. Questi alcuni tra i temi che nel corso del primo consiglio comunale ha affrontato Domenico Gagliardi, consigliere comunale eletto con la lista Molfetta Libera, forza politica nata dall’incontro del movimento civico Area Pubblica e Sinistra Italiana.

Come attivisti di Molfetta Libera saremo in prima linea per dare vita ad una opposizione seria, preparata e responsabile che guardi solo ed esclusivamente all’interesse pubblico. Di seguito riportiamo la dichiarazione del consigliere Gagliardi all’indomani del primo consiglio comunale di questa consigliatura: “Nonostante per me non fosse la prima esperienza tra gli scranni della massima assise cittadina non posso negare la grande emozione che mi ha pervaso per essere stato chiamato a rappresentare una comunità come quella di Molfetta Libera che sin dalla sua nascita ha avuto come obiettivo quello del perseguimento del bene comune e l’incontro dei bisogni dei cittadini. In altre parole quella parte di città “libera di” lottare al fianco dei cittadini e “libera da” ogni condizionamento.

Nel corso dell’intervento sulle linee programmatiche dell’amministrazione ho ritenuto necessario evidenziare l’assoluto bisogno di porre al centro dell’azione amministrativa decoro urbano e lotta senza quartiere alla sporcizia, all’incuria e al degrado che imperversano per la città e che ormai sono divenuti assoluta emergenza da affrontare prioritariamente. Né ho potuto sottrarmi, quale rappresentante di una lista che ha fatto di legalità e trasparenza il suo faro, dall’evidenziare la necessità che l’amministrazione fornisca quanto prima alla città risposte (non di mera maniera) circa le indagini compiute della Procura della Repubblica di Trani e che hanno visto coinvolti gli amministratori della nostra città.

Sul fronte del welfare ho ritenuto opportuno evidenziare la necessità della creazione di un secondo asilo comunale, del potenziamento dei Cantieri di Servizio (intuizione dell’amministrazione Natalicchio e dell’allora assessore al ramo Bepi Maralfa) nonché di una decisa estensione della platea cui è destinata l’Assistenza Domiciliare Integrata (cd. ADI).

In tema di urbanistica si è ribadito con decisione un secco no alla deregulation urbanistica e alla cementificazione selvaggia sottolineando la necessità di giungere finalmente all’adozione del nuovo PUG. Perplessità sono state poi evidenziate circa gli indirizzi programmatici della amministrazione riguardo Piano delle Coste e Spiaggia Maddalena. In riferimento, poi, alla delibera avente ad oggetto le determinazioni degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune e del Consiglio presso enti, Aziende e Istituzioni ho sottoscritto e presentato assieme ai consiglieri dell’opposizione di centrosinistra un emendamento che avrebbe consentito di procedere alle nomine delle società partecipate secondo criteri di comprovata e documentata esperienza tecnica, giuridica e amministrativa che risultasse adeguata alle specifiche caratteristiche della carica da ricoprire soprattutto in considerazione della grave emergenza igienico sanitaria che l’abbandono dei rifiuti e le altre criticità determinano. In questa situazione la guida delle aziende non può essere affidata in base alla simpatia o alla comunanza di interessi politici o clientelari.

Purtroppo nonostante il buon senso di questo emendamento che avrebbe consentito di migliorare il governo e la gestione delle società partecipate da cui dipende il livello di qualità del verde pubblico, delle nostre strade, della gestione dei rifiuti e della mobilità urbana Sindaco, maggioranza consigliare e Rifondazione Comunista (incomprensibile) hanno votato contro questa proposta che avrebbe significato una decisa sterzata verso merito, oculata gestione del denaro pubblico e miglioramento dei servizi.

Resto e restiamo in ascolto della cittadinanza e promettiamo alla comunità una opposizione seria, responsabile e propositiva”.

giovedì 4 Agosto 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti